Raddoppio del Canale di Suez: raddoppia il transito giornaliero e si riducono i tempi

07 Ago 2015

Il nuovo Canale di Suez è stato inaugurato dopo solo 12 mesi di lavoro. I tempi di transito sono ora ridotti e il traffico marittimo aumenterà.

The new Suez Canal was inaugurated after only 12 months of work. The transit times are now reduced and maritime traffic will incrise.

—————————————–

Il 6 agosto 2015 è una data storica per il trasporto marittimo: è stato ufficialmente inaugurato il Nuovo canale di Suez con una tratta di navigazione più ampia e l’apertura di una nuova corsia.
Dopo 12 mesi e il lavoro di 43.000 persone, il nuovo corso d’acqua ora consente il transito simultaneo delle navi provenienti da Nord e Sud.
Il nuovo canale, costruito in parallelo al Canale di Suez esistente, permetterà un aumento del 50 per cento del traffico marittimo entro il 2023, portando il volume di transito giornaliero da 49 a 97. Inoltre, il tempo di transito per le navi in direzione sud sarà ridotto fino a otto ore in totale.
I numeri della costruzione sono state colossali, con lavori di scavo di 250 milioni di metri cubi a un costo stimato di 550 milioni di dollari. Più di 242 milioni di metri cubi di terreno sono stati dragati durante la fase di costruzione, con il risultato che il nuovo canale si estende per 35 km di lunghezza, scendendo a una profondità di 24 metri.
Per completare il reperimento dei fondi, il Governo Egiziano ha lanciato una sottoscrizione nazionale, invitando i residenti e cittadini a investire nel canale al fine di raccogliere i fondi necessari. L’incredibile somma di 8,5 miliardi di dollari è stata raccolta in soli sei giorni. Il progetto genererà ricavi per 12,3 miliardi di dollari all’anno entro il 2023, aumentando più del doppio i ricavi attuali del canale.

Il Canale di Suez riveste da millenni un ruolo strategico nel commercio internazionale collegando oriente ed occidente. I primi sforzi per costruire l’attuale canale derivano dalla spedizione di Napoleone Bonaparte nel 1798. Il progetto era in corso fino a quando un errore di calcolo stimò i livelli tra i due mari essere vicini ai 10 metri di differenza. Il lavoro fu quindi sospeso.
Dopo vari tentativi e fallimenti di progetto, nel 1858 la Società Universale del Canale Marittimo di Suez (Universal Company of the Maritime Suez Canal) fu creata con l’autorità per costruire il Canale. Lo scavo iniziò il 25 aprile del 1859, e tra questa data e il 1862, la prima parte del Canale fu completata. Nonostante alcune sospensioni, il 17 novembre 1869 lo sbarramento del bacino idrico di Suez fu fatto crollare, permettendo alle acque del Mar Mediterraneo di mescolarsi con quelle del Mar Rosso e aprire il Canale fu aperto per la navigazione internazionale. Ma per il completamento ci vollero altri 10 anni.
Nel 1888, il Canale fu aperto ufficialmente sotto le leggi di una convenzione internazionale, rendendolo libero per il passaggio delle navi di tutte le nazioni, senza discriminazioni.
A seguito di ulteriori conflitti, il Canale è stato per breve tempo nuovamente chiuso, prima di essere riaperto nel 1957. Nel 1962 l’Egitto ha estinto i suoi pagamenti per il Canale, prendendone il pieno controllo.

Fonte: Comunicato Stampa